Recensione Multislim: Analisi approfondita di questo integratore dimagrante

di | 21 Ottobre 2019

Multislim è uno sciroppo che ha lo scopo di accelerare il processo di dimagrimento destinato alle persone che sono interessate a perdere peso. Ha un’ottima azione e per questo lo abbiamo inserito tra i migliori integratori per dimagrire.

multislim integratore dimagrante

Si tratta di un prodotto da inserire in un quadro composto da alimentazione corretta e attività fisica, che permette in queste circostanze di accelerare la perdita di peso, grazie ai suoi ingredienti che hanno un’azione diretta sul metabolismo.

In questo articolo andremo ad approfondire il meccanismo di funzionamento di questo sciroppo, cercando di capire come funzionano gli ingredienti di cui si compone.

Multislim: cos’è e a cosa serve

Multislim è uno sciroppo dietetico, che ha la funzione di supportare la perdita di peso, favorendo un metabolismo più rapido di alcuni organi e riducendo l’assorbimento di quantità eccessive di nutrienti nell’alimentazione.

In questo modo è possibile avere una perdita di peso più rapida rispetto a quanto si otterrebbe con uno stile di vita corretto, ma senza il supporto dello sciroppo.

multi slim dimagrire davvero

Ha inoltre la funzione di aumentare il senso di sazietà, in modo da ridurre la necessità di assumere altro cibo, e influenza il metabolismo dei grassi, spingendo ad un’attività catabolica (cioè ad utilizzare i grassi presenti nelle riserve) e contrastando quindi l’attività anabolica (di accumulo) che si verifica fisiologicamente dopo i pasti.

Gli ingredienti

Per ottenere l’effetto Multislim si basa sull’utilizzo di diversi ingredienti, che andiamo ad analizzare.

  • Estratto di carciofo: si tratta di un’estrazione naturale della pianta che possiamo comunemente trovare nei negozi di verdura, con la differenza che vengono concentrati i principi attivi utili, che hanno lo scopo principale di stimolare il metabolismo epatico.Questi composti sono i derivati dell’acido caffeico, molecola contenuta nel carciofo che è in grado di formare la cinarina, presente in modo particolare nelle foglie del carciofo. Questa molecola è in grado di stimolare il metabolismo epatico, ovvero a rendere maggiormente idrosolubili le sostanze tossiche liposolubili che tendono ad accumularsi nell’organismo.L’eliminazione maggiore (le sostanze escrete finiscono nella bile, per essere poi smaltite con le feci) porta ad una riduzione delle infiammazioni subcliniche, cioè piccole infiammazioni di cui non notiamo la presenza; in questo modo l’organismo può avere una gestione migliore delle sostanze nutritive, i grassi in particolare, accelerandone il consumo.
  • Forskolina: si tratta di un estratto di una pianta indiana chiamata Coleus (Plectranthus barbatus), ed è una molecola in grado di stimolare il metabolismo, accelerando così la produzione di energia a partire dalle sostanze nutritive.
    E’ in grado di stimolare la produzione di AMP ciclico (o cAMP), ed agisce in particolar modo sulla trasmissione ormonale dall’ipofisi alla tiroide.
    Ha lo scopo finale di accelerare il metabolismo tiroideo, che ha un effetto catabolico, aumentando la produzione di calore utilizzando grassi e carboidrati come funzione energetica.
  • Pectina: si tratta di uno xylooligosaccharide presente in una grande varietà di frutti; in questo caso viene estratto dalla mela. Viene inserito soprattutto per la sua capacità saziante, che evita un’ingestione eccessiva di cibo favorendo quindi l’eccessiva alimentazione.
  • Stevia: più correttamente “derivato steviosidico“, si tratta di un estratto della pianta che viene percepito con il sapore dolce dai nostri recettori linguali. A differenza degli zuccheri, non viene assorbito perché non è composto da glucosio; questo permette di avere un sapore piacevole e un miglioramento dell’umore senza tuttavia causare picchi glicemici, né indurre l’assunzione di quantità maggiori di calorie.
  • Lampone: utilizzato soprattutto per migliorare il sapore dello sciroppo, è un frutto ricco di antiossidanti che proteggono l’organismo in presenza di un’attività fisica intensa, quindi è utile nell’ottica di utilizzo dello sciroppo.

Le proprietà e i suoi benefici

Il meccanismo d’azione dell’integratore è spiccatamente quello di accelerare il metabolismo e il conseguente consumo di un quantitativo maggiore di grassi.

Questa azione è esplicata sia dalla Forskolina, che migliora la secrezione degli ormoni tiroidei spingendo l’organismo a produrre più calore consumando le sostanze nutritive, sia dalla cinerina che permette un metabolismo migliore dei grassi.

Questo consente all’organismo di resistere maggiormente alla fatica, permettendo di aumentare la durata e l’intensità dell’attività fisica, e al contempo consente di spingerci a mangiare meno, evitando così di assumere eccessive calorie con l’alimentazione ma fornendo allo stesso tempo un piacevole sapore dolce-acidulo che ci evita di assumere alimenti dolci o molto grassi per puro scopo di piacere.

Come assumerlo per massimizzare l’effetto

Multislim può essere consumato in qualunque momento della giornata, comunque prima di iniziare l’attività fisica; tuttavia, per sfruttare al meglio, oltre agli altri effetti, anche quello saziante della pectina, si consiglia di assumerlo prima dei pasti.

L’effetto saziante e il sapore piacevole permettono di evitare un’assunzione di cibo eccessiva, che consente di stimolare l’attività fisica dopo il pasto, massimizzando così l’effetto della perdita di peso.

Il parere del medico

Dal punto di vista medico, Multislim è composto da ingredienti che non hanno fornito prova di tossicità o di sovradosaggio, quindi non necessita di particolari attenzioni nell’utilizzo e nell’assunzione.

Importante ricordare come il meccanismo d’azione delle sostanze contenute è fortemente basato sulla presenza di attività fisica nel corso della giornata; lo scopo non è infatti quello di perdere peso “magicamente” (un fenomeno non scientificamente possibile), ma quello di migliorare il metabolismo dell’organismo durante l’attività fisica, perché consente di avere una maggior resistenza (e quindi un aumento dell’attività fisica che riusciamo a fare) e anche un consumo migliore delle proprie riserve energetiche. Questo, unito al fatto che spinge a mangiare meno, sia per senso di sazietà che per sapore piacevole, porta ad evitare che, a fianco del consumo delle riserve, non se ne aggiungano di nuove, vanificando così nel complesso l’effetto dello sciroppo.

Fermo restando che il prodotto non permette di dimagrire in assenza totale di attività fisica, né in presenza di un’alimentazione inadeguata (come ricca di grassi o di zuccheri), le uniche accortezze che dobbiamo avere è quella di non assumerla in caso di gravidanza e allattamento, nonché di evitarne l’assunzione in parallelo con altri prodotti dagli effetti simili.

Si consiglia anche il consulto del medico in caso di terapie che possono influenzare il metabolismo, come quelle cortisoniche; in questi casi può essere suggerito di interrompere l’assunzione in attesa della fine della terapia.